Integralismo sistematico

Descrizione del primo forum.
Rispondi
Avatar utente
franciscus
Amministratore del forum
Messaggi: 55
Iscritto il: 06/06/2020, 15:13

Integralismo sistematico

Messaggio da franciscus »

INTEGRALISMO SISTEMATICO, DISINFORMAZIONE, ALTERAZIONE DELL’INFORMAZIONE

Richard S. Broughton, direttore dell’Institute for Parapsychology di Durham, nel North Carolina e direttore dell’International Parapsychological Association, nel suo esauriente libro pubblicato in Italia con il titolo: “Parapsicologia, scienza contestata” (8) offre la più vasta raccolta di dati sulle più recenti ricerche in questo campo e denuncia energicamente, dati alla mano, l’integralismo imperante che contrasta lo sviluppo della Ricerca Psichica. (vedi l’estratto, di seguito pubblicato).

A questo riguardo, afferma, :”I parapsicologi non hanno nulla da temere dalla critica responsabile. Sfortunatamente nel decennio passato si è vista la crescita di una forma di fondamentalismo scientifico che minaccia di minare la produttiva, anche se non sempre amichevole, relazione fra la Parapsicologia e la sua critica.” Spiega come nasce in America lo CSICOP (Commitee for the Scientific Investigation of Claims of Paranormal), che invece di eseguire indagini responsabili e scientifiche rivela presto obiettivi inquisitori, diversi da quelli inizialmente dichiarati, tanto da provocare presto le dimissioni del co-presidente Truzzi e di molti altri accademici.

Sulla falsariga dello stesso integralismo,il C.I.C.A.P. in Italia attacca sistematicamente ogni forma di Ricerca Psichica, estendendola fino a comprendere la medicina emergente, detta naturale, omeopatia compresa. :roll:

Un esempio del metodo operato dal Cicap l’ha avuto lo stesso professor Mario Bruschi.

Nel periodo in cui aveva effettuato l’esperimento ESP si era messo in contatto con questa organizzazione e reso immediatamente disponibile per verificare i protocolli scientifici e procedere ad altri test. La proposta allora cadde nel vuoto, finché l’avvicendamento dei membri del gruppo sottoposto ai test, ormai rinnovato, rendeva necessario un eventuale nuovo esperimento.

“L’esperimento”, aveva dichiarato nelle sue conclusioni il professor Bruschi, “pur essendo eseguito con il massimo del rigore e dell’attenzione possibili, era stato tuttavia concepito come preliminare, atto a selezionare ulteriormente il gruppo dei soggetti, ad affinare i protocolli e/o a suggerire altri test ed esperimenti.” E ribadiva: “La stessa entità inaspettata dei successi ottenuti, suggerisce tuttavia di ripetere, mantenendo il più possibile inalterate le condizioni sperimentali, ma sotto il controllo di altri possibilmente più autorevoli, membri della comunità scientifica: l’intervento del neo-costituito Comitato Scientifico di Controllo sul Paranormale sarebbe auspicabile.”

Il Cicap in compenso è molto attivo nel negare aprioristicamente e con esperimenti poco scientifici ogni fenomeno che non sia spiegabile con la logica, da quelli psichici a quelli di guarigione, dall’omeopatia ai vari metodi di cura della medicina emergente.

D’altronde, mentre gli integralisti perdono tempo a negare ed ad ostacolare la Ricerca Psichica e i ricercatori di questa scienza lo impiegano più che altro a dimostrare che i fenomeni psichici esistono e sono indicativi delle maggiori potenzialità dell’uomo, si rallenta il progresso.

Cosa si può fare per opporsi all’integralismo? Certamente si deve tacitarlo con l’evidenza della ricerca.Voci autorevoli di scienziati, studiosi e intellettuali di varie discipline si levano sempre più alte in favore dell’Anomalous Research. Voci che in questi ultimi anni si sono fatte sentire così chiaramente, che non è più facile ignorarle: come quella di Jessica Utts, con la sua relazione per il Governo USA e le sue ricerche presso la University of California di Davis, quelle degli scienziati di altre importanti università americane come Princeton, Harvard, Las Vegas, Durham e di università europee come Edimburgo e Amsterdam, 1’ Institut fùr Grenzgebiete der Psychologie und Psychohygiene di Friburgo e La Sapienza di Roma.

Voci di scienziati autorevoli come quella del Premio Nobel per la Fisica, Brian D. Josephson, che parla chiaramente dell’evidenza e delle importanti implicazioni dei fenomeni psichici, per arrivare alle sollecitazioni di uno dei padri della psicoanalisi italiana, il professor Emilio Servadio, (9) che ha sempre difeso questa scienza contestata, denunciandone gli arretrati e limitati metodi di ricerca in una delle sue ultime interviste.

Ho l’impressione che nel campo più seguito della parapsicologia molti progressi non siano stati fatti, in fondo, se si pensa che la Society for Psichical Research è stata fondata a Londra nel 1882. Non possiamo dire che da allora sono state effettuate grandi scoperte. Perché? Perché i fenomeni cosiddetti paranormali non sono altro che frecce indicative di una diversa realtà e finchè si insiste, come insistono oggi molti parapsicologi, a voler inscatolare i fenomeni paranormali nei confronti di una scienza positiva, meccanicistica, non si arriverà mai a contenerli, perché da quella scatola – se così mi posso esprimere – esorbitano.”

Tuttavia anche le conferme sull’esistenza delle doti extrasonsoriali, esorbitano dagli angusti spazi in cui questa scienza fatica a svilupparsi, come dimostrano le fughe di notizie avvenute in America . E quelle, dello stesso anno provenienti dal Giappone, pubblicate dal quotidiano italiano La Repubblica, che informò sugli esperimenti per l’impiego delle percezioni extrasensoriali effettuati nei laboratori segreti della Sony Corporation, a Shinagawa, di fronte al porto di Tokyo. E si sa che ne vengono effettuati anche in Russia, in Germania e in Israele. La nostra stampa specializzata in divulgazione scientifica, in genere, ignora l’argomento. Se lo fa, preferisce parlare di maghi e spiriti, al più accennando a qualche esperimento, magari discutibile, invece di dare notizie corrette sulla ricerca scientifica quando non ne travisa gravemente i dati...

Il breve giudizio riportato, come ho potuto verificare, era stato tolto dal suo originale contesto di un’altra analisi e si riferiva al campione di un singolo esperimento considerato inidoneo dalla Utts e che nulla aveva a che fare con la ricerca ufficiale, travisando così gravemente i risultati positivi registrati dai due esperti, comunicati ufficialmente al loro Governo.

(8) Rischard S. Broughton: “Parapsicologia, la scienza contestata”, Sperling & Kupfer Editori, Milano 1994

(9) Emilio Servadio: “Per un approccio ad una realtà diversa”, Il nostro Giornale - Gruppo Ricerche Futuro

...Complimenti per essere arrivato a leggere fino a qui ! ;)
Viviamo nell’illusione e nell’apparenza delle cose. C’è una realtà. Noi siamo quella realtà. Quando capisci questo, capisci che sei niente, ed essendo niente sei tutto. Questo è tutto.
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite